Stefano Galli: L’incanto della Verità

Stefano Galli: L’incanto della Verità

BOLOGNA.

“Fare fotografia è una questione personale. Quando non lo è, i risultati non sono convincenti. Se non possiamo ritrovare il fotografo dentro la fotografia , ciò che vediamo non si discosta dal prodotto di un anonimo apparecchio, capace di felici conseguenze, ma non di una risposta alla forma” Robert Adams.

Incontro Stefano alla stazione delle corriere di Bologna. Il luogo lo sceglie lui, spiegandomi di esserne affascinato dall’atmosfera vecchia, ma senza tempo. Dalle insegne, “immobili e immutate da 40 anni, che saranno immobili e immutate per i prossimi 30”.
La stazione è anche un centro di passaggio, un incrocio di persone e di vite.
Mi spiega di essere in un perenne stato di positiva agitazione, che lo tiene sveglio, lo spinge a fare cose e ad avere sempre il cuore a mille.
Capisco perché la sua mamma lo definiva “un’anima in pena”.
“Devo andare alla ricerca di tutto ciò che altrimenti perderei”.
Paradossale e interessante come, dalle sue fotografie e dai suoi film, traspaia invece una sensazione di calma, di silenzio, di attenzione ai dettagli e di rispetto per i luoghi e il tempo.
Quasi che la contemplazione di quello che, ai suoi occhi, è bello, sia avvolto da un’aura di malinconico rapimento, che necessita cura, pace e solitudine per essere capita e raccontata.
Stefano la solitudine la ama, il sentirsi “da solo in mezzo agli altri”, nascosto e protetto dalla sua macchina fotografica, gli permette una visione del mondo di più intima profondità.

Schermata 2016-05-06 a 15.59.19  ©StefanoGalli

Schermata 2016-05-06 a 16.05.12  ©StefanoGalli

Dietro ad ogni scatto c’è il bagaglio personale di riflessioni e di ricordi di chi guarda.
Per Stefano c’è l’infanzia trascorsa tra le auto di Modena, gli amici skater, la laurea in cinema a Torino, il trasferimento a Copenhagen per affiancare Lars Von Trirer – un genio e una persona bellissima, mi dice.
C’è poi Londra. C’è Los Angeles, città che ama e nella quale oggi vive e lavora.
Ci sono le ore trascorse immergendosi totalmente nella vita di artisti, per conoscerne ogni dettaglio, professionale e personale, per capire la loro evoluzione. Per ispirarsi, per imparare, per trovare un senso.

Stefano è un fotografo, che anche realizza video. Che sembrano fotografie.
L’approccio alla ripresa è infatti sempre fotografico: il girato viene realizzato con il supporto di un cavalletto, in frame che ricordano fotografie. Dentro queste fotografie i personaggi si muovono e sono raccontati attraverso suggestioni sia visive che sonore.
Il sogno di Stefano è pubblicare libri, e che qualcuno, un giorno dica “per fortuna che Stefano Galli ha fatto queste foto, così possiamo vedere com’era Los Angeles negli anni 2000, o com’era Bologna nel 2015.”

Quello che speriamo di ricevere dalla sensibilità del racconto di un artista è proprio un’indicazione, un’intuizione, una direzione, un suggerimento per comprendere il mondo.
“Quello che vedo è bello, e come tutte le cose belle, meritano di essere immortalate. Il fotografarle è un modo per rendere loro omaggio”.C’è un incanto e un rispetto nel suo modo di raccontare, che spinge le persone a fidarsi di lui.
Lo si può vedere nei suoi ritratti, o nel docu-film Lamerica, nel quale spiega l’America attraverso gli Americani, in un viaggio attraverso 24 stati, in compagnia di una pellicola 16mm.

Credo sia come restituire un favore: capiamo e impariamo da chi ha rischiato, si è messo in gioco, ha scavato nella propria percezione per raccontarci l’essenza del mondo, secondo il suo punto di vista.
Un bel modo di ringraziare, è provare a fare lo stesso, per chi viene dopo di noi.
Stefano mi racconta di rischiare dal giorno in cui si è laureato.
“Il rischio più grande è lavorare ogni giorno come fotografo: l’unica cosa certa è l’incertezza”.
Soprattutto, ha rischiato nell’ultimo anno, dando più spazio ai suoi progetti personali, piuttosto che ai lavori commerciali.
E’ trascorso qualche mese da quando l’ho incontrato, e lo ritrovo ora, ospite all’ultima edizione del Festival del Cinema di Torino, proprio con un suo progetto personale, intervistato da prestigiose riviste e invitato da realtà internazionali, per raccontare il suo lavoro.

E mi ricordo perché ho sempre la viscerale esigenza di approfondire visioni personali, non oggettivanti, della realtà; vite di artisti, che raccontano la loro personale visione del mondo, contribuendone alla crescita umana, artistica e spirituale.
E’ incredibile quanto l’istinto, vissuto con onestà, coraggio, perseveranza e senza paure o condizionamenti, porti al farci vivere il sogno di una vita piena di significato.
Scrivo queste righe, guardando, e ascoltando, i suoi 80 Skies (The Video) e Stillness.
E mi ricordo di come, un punto di vista interessante su un oggetto banale, possa rendere lo stesso oggetto bellissimo.
La stessa sensazione ce l’ho guardando la sua serie Cars, o i suoi paesaggi americani.
Forse la voglia di raccontare oggetti comuni viene dalla visione della vita del suo papà, medico, mentre l’aura di affascinante decadenza nella quale Stefano riesce ad avvolgerli, è eredità della sua mamma, pittrice.
Un’armonizzazione di elementi, pragmatici ed emozionali, realizzata con apparente facilità, che rende il suo lavoro importante.
E alla fine, quello che importa a Stefano, è proprio raccontare la bellezza della verità.

Gli artisti fanno arte per un motivo: testimoniare e documentare lo “splendore”, la luminosità assoluta della bellezza.
E solo la bellezza, anche se a volte dolorosa, guarisce.

“Se stessi fermo, non girassi a piedi, non osservassi, non guardassi; impazzirei” Stefano Galli.
“Vorrei trovare qualcosa che abbia altrettanto senso del semplice guardare” Theodore Roethke.

Schermata 2016-05-06 a 16.00.00
©StefanoGalli

Schermata 2016-05-06 a 15.59.50
©StefanoGalli

Schermata 2016-05-06 a 16.00.23
©StefanoGalli

www.stefanogalli.com

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: